Maria Claudia Clemente

  • 4 Maggio 2016

talkers-clemente

Maria Claudia Clemente
Architetto

Maria Claudia Clemente (1967) si è laureata nel 1992 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, nel 1995 è diventata Dottore di Ricerca presso la facoltà di Architettura e dal 2001 è Ricercatore presso la stessa Università. Dal 2002 insegna presso il Corso di Laurea in Disegno Industriale, all’interno del quale dal 2003 è responsabile di un Atelier di progettazione sul tema Public & Exhibit Design. Nel 2003, 2008, 2011 e 2014 è stata professore a contratto presso la Cornell University, nelle sedi di Roma e Ithaca.

Nel 2002 ha fondato lo studio Labics insieme a Francesco Isidori. Labics è uno studio di architettura e pianificazione urbana che, coniugando ricerca teorica e sperimentazione applicata, estende il proprio campo di interesse dall’interior design alla progettazione di masterplan urbani, attraversando così le differenti scale e complessità del progetto. Labics ha vinto numerosi concorsi di architettura nazionali ed internazionali, tra i quali il CDU (Complesso Didattico Universitario) in Milano (2003-2005), il MAST in Bologna (2006-2013) e la “Città del Sole” in Roma (2007-2015). Recentemente lo studio ha ricevuto la menzione d’onore per il progetto del Guggenheim Museum di Helsinki e per il Klekovaca Tourist Centre in Bosnia ed è stato selezionato tra i sei finalisti per il concorso internazionale Progetto Flaminio in Roma. Dal 2003 al 2014 Labics è stato responsabile per il design di Obicà, un progetto di ristorazione internazionale per il quale ha seguito tutte le realizzazioni nel mondo. Negli ultimi anni Labics ha ricevuto diversi premi internazionali tra cui Iconic Award, the Chicago Athenaeum, Inarch-Ance e Dedalo Minosse; nel 2015 ed è stato candidato per il Mies van der Rohe Award. Labics ha esposto il proprio lavoro in diverse mostre di architettura tra cui la 11° e 12° e 14° Biennale di Architettura di Venezia e il Festival Make City di Berlino nel 2015. I progetti di Labics sono pubblicati nelle più importanti riviste internazionali.