Deborah Napolitano

  • 20 Gennaio 2017

Deborah Napolitano
Architetto

Deborah Napolitano, salernitana, classe ’73, si laurea a Napoli alla facoltà di Architettura.
Con spirito curioso e forte senso pratico comincia da autodidatta la sperimentazione di materiali e tecniche propri del fare artigiano ma declinabili nelle varie forme dell’arte e del design.
A Milano frequenta il Master in Disegno Industriale della Domus Academy per poi dedicarsi alla progettazione di interni e spazi commerciali nel settore del lusso e della moda.
Concluso il periodo milanese, il ritorno a Salerno segna un fondamentale cambiamento nel modo di esternare la sua creatività. Il foglio cede il passo alla materia, le forme sono plasmate e non disegnate, la scala passa dalla dimensione urbana alla dimensione umana e le visioni passano dall’architettura alla scultura.
Plasmare la materia e vestirne la superficie di espressività cromatica diviene il modo attraverso il quale Deborah comunica se stessa. Il territorio le fornisce la materia e la storia da assimilare e perpetuare, la ceramica – fatta di argilla ed i suoi smalti – diventa il foglio su cui imprimere le idee.
Dopo la partecipazione a varie collettive d’arte, organizza numerosi eventi curando l’allestimento, la grafica e la selezione di artisti ed opere fino ad assumere nel marzo del 2015 la Direzione Artistica de La Balconata Furitana, progetto sperimentale di Museo d’arte sacra contemporanea e Galleria d’arte in Costiera Amalfitana.
Nel giugno 2015 debutta con il Gruppo “Venti d’Italia” ed il suo progetto di Erranze Sospese a cura del prof. Pasquale Persico e nel Collettivo “Bestiale” a cura del prof. Giorgio Levi.
Nel dicembre 2015 è socio fondatore dell’Associazione “Made in Salerno” che ha lo scopo di promuovere e divulgare l’opera di Artisti, Artigiani ed Eccellenze del Territorio Salernitano nonché la valorizzazione e la continuazione della Tradizione e della Cultura delle arti visive di Salerno.